Get in touch :

Laura Freda
Pastry Chef
(+39) 393 4429 633

Food Design

Estetica del gusto, trasformazione del cibo volto alla ricerca non solo del gusto, ma anche della FORMA e del COLORE, questo è il Food Design!

Il cibo con tutti gli elementi ad esso legati è piacere, energia, esplorazione.
Una esperienza che accompagna i primi giorni della nostra vita e che è occasione di incontro (il “convivio” rimanda etimologicamente a “cum vivere”, vivere insieme), di riflessione e di soddisfazione, ma anche materia di produzione artigianale e industriale, luogo di progetto e consumo.

 
Il cibo si testa, si osserva nella sua composizione, o meglio nella sua texture, ed infine si gusta.
Un esperienza quella del cibo legata ai cinque sensi.
Il sesto senso poi, personale in ognuno di noi, si evolve in un settimo momento, dove si traduce la nostra esperienza personale ed unica in una sinestesia.
 
In Food Design poi, si uniscono gli studi di Bauhaus e movimenti artistici come Futurismo, Espressionismo e Pop Art con quelli di nouvelle cuisine e cucina molecolare.
In un laboratorio, o in uno studio, o in una cucina, si parla spesso di teoria del campo, teoria dei colori, modelli in 3D, tecnologia, chimica, ricette ecc...

L'obiettivo degli studi di progetto e della ricerca di Food Design è di creare prodotti che soddisfino il più possibile le esigenze del pubblico sotto tutti i punti di vista.

Per fare ciò è necessario che i Designer si occupino della parte che concerne  la forma e la funzione (rapporti visivo/tattili, composizione ed ergonomia) in stretto rapporto con gli Chef che si occupano di definire quella relativa all'olfatto ed il gusto.

Trattandosi di materia alimentare, un contributo fondamentale durante gli studi di Designer e Chef è quello portato da esperti Chimici e Scienziati che si occupano di tecnologia, nutrizione, salute e sicurezza.
Tutto questo è Food Design, Centro di Ricerca per l'applicazione e diffusione del Design a prodotti Agroalimentari ed Enogastronomici, una chiave per iniziare la ricerca dell’emozione polisensoriale.
 100
Quando il PIATTO prima di arrivare in TAVOLA passa per il TECNIGRAFO !